Gli Xantomi, cause e pericoli

Gli Xantomi sono una patologia dermatologica che non ha in se alcun pericolo ma che può essere il segnale di un’anomalia metabolica e organica sottostante che può rappresentare un reale pericolo per la persona, è di fatto una spia di problemi decisamente più gravi.

Cosa sono gli Xantomi

Molte persone soffrono di Xantomi magari senza conoscerne il nome; si tratta di lesioni cutanee costituite da accumuli di diversi tipi di lipidi. La loro presenza indica al medico la notevole possibilità di una dislipidemia organica, un eccesso di grassi circolanti che può con una certa facilità portare a gravi incidenti cardio vascolari.

Il sospetto medico di una dislipidemia organica potrà essere confermato attraverso accertamenti diagnostici di laboratorio, analisi del sangue, sostanzialmente. La conferma del sospetto del medico dovrà trovare come conseguenza un trattamento farmacologico adeguato, non verso gli Xantomi ma verso i problemi che sono ad essi connessi.

Cause degli Xantomi

La pelle è un tessuto fortemente irrorato dal sangue, che realizza in continuo uno scambio di sostanze tra questa e l’organismo proprio attraverso il sangue. Da questo sostanze grasse, soprattutto legate a proteine, possono uscire e localizzarsi nei tessuti circostanti.

In questi tessuti le sostanze grasse fuoriuscite dal sangue, le lipoproteine, vengono aggredite da cellule che fanno parte del sistema immunitario, i macrofagi, che sono considerati gli “spazzini” dell’organismo.

I macrofagi “mangiano” queste lipoproteine che contengono soprattutto colesterolo e trigliceridi, si gonfiano trasformandosi in cellule schiumose che, infine, costituiscono gli Xantomi.

L’aumento di sostanze grasse nel sangue che sono alla base della formazione di Xantomi può essere dovuto a difetti di carattere genetico, di metabolismo del colesterolo e dei trigliceridi.

Diverse dislipidemie sono dovute anche a cause di acquisizione patologica come il Diabete o all’abuso di Alcool;  quando gli Xantomi hanno una motivazione di dislipidemia, la comparsa avviene nell’età giovane-adulta ma spesso si riscontrano in soggetti anziani, proprio per la maggiore frequenza di dislipidemia, aumento del colesterolo e trigliceridi e per la maggiore incidenza del diabete.

Come si presentano gli Xantomi

Lo Xantoma si presenta tipicamente come una piccola lesione di col,ore giallastro, rilevata, asintomatica. Le dimensioni possono essere di varia entità, se inferiore al centimetro si parla di papula, se superiore di nodulo, quindi gli xantomi, in base alla dimensione, possono essere definiti come papule o noduli.

Gli Xantomi che si riscontrano con maggiore frequenza sono quelli localizzati alle palpebre, più frequentemente a quelle superiori, che si presentano come lesioni rilevate, papule singole o più papule che si associano tra loro, giallastra, di consistenza molle, che tendono ad aumentare la loro dimensione nel tempo.

Queste lesioni che prendono il nome di Xantelasmi, possono essere collegate oppure no a dislipidemie ma in quest’ultimo caso, anche riportando a livelli normali i lipidi nel sangue, le papule non vanno incontro ad alcun riassorbimento.

La Cura degli Xantomi

La cura degli Xantomi non va intesa come cura degli stessi ma come cura delle dislipidemie che sono alla base della loro comparsa, quando le alterazioni sono esistenti, ovviamente.

Gli xantelasmi, come detto, non sono soggetti a remissioni nemmeno con la correzione delle dislipidemie e in questi casi è possibile prendere in considerazione la rimozione chirurgica o tramite laser con ottimi risultati seppure si riscontra una certa percentuale di recidiva.

Si tratta, comunque, di interventi di puro carattere estetico in quanto, lo ricordiamo, gli Xantomi e gli Xantelasmi non hanno alcuna rilevanza dal punto di vista patologico, nessuna pericolosità e nemmeno presentano sintomi che possano infastidire la persona.

Per questo prima di ragionare su un intervento chirurgico o un trattamento laser occorre valutare bene l’opportunità e l’esigenza di mettere in atto tali interventi di eliminazione.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *